Sui passi dell’anima

 

SUI PASSI DELL’ANIMA

dedicato a Pina Bausch

con

Mariella Ballorani, Patrizia Calcabrini, Paolo Corna, Massimo Guglielmi, Francesca Luzi

Alberta Ricottini, Fabiana Scagnetti, Katia Rocchegiani, Nadia Biocco, Barbara Camoni

Francesco Acqualagna, Michele Carta, Matteo Finistauri, Paolo Turchi, Simone Giannelli

regia

Fabio Bonso

aiuto regia

Francesco Mentonelli

assistenza tecnica

Claudia Vergari

organizzazione

Vania Marcato

 

Cosa accomuna la danza al teatro? Forse quel essere presenza viva e significante sul palco, quelle sfumature in cui un gesto e una parola legano l’azione e ne creano la forza espressiva. Questa capacità di essere forma e suono allo stesso tempo, energia fisica e sfumatura di linguaggio, tutto questo è la ricerca di comunicare le sensazioni e creare atmosfere, capaci di rapire l’animo dello spettatore.

Abbiamo cercato di elaborare tutto questo attraverso l’improvvisazione e lo scaturire di momenti emotivi, nonostante l’obbiettivo fosse alto, provando gradualmente ad inserire al gesto le parole che non sempre trovano una spiegazione logica alla dinamicità del movimento. Abbiamo esplorato stati d’animo, solo attraverso il corpo, e da questo cercato una direzione verso altre forme di linguaggio. E si è scoperto che a volte l’autoironia del corpo è un attributo interessante per comunicare, per leggere la propria anima. Abbiamo percorso le strade aperte da Pina Bausch, per conoscere e conoscerci attraverso l’introspezione di un corpo capace di esplicitare immagini e atmosfere evocative.

Ne è uscita una serie di scene che ricompongono momenti di vita quotidiana, amplificati in direzioni diverse: l’ironia composta di piccoli gesti controllati, l’esuberanza gioiosa del gioco corporeo, la gestualità esagerata di situazioni paradossali, la drammaticità di sensazioni nascoste, il rapporto introverso tra femminile e maschile. Il percorso verso la scoperta del teatro è passato attraverso tutto questo, e il gruppo che ha lavorato in questi mesi è riuscito a integrarsi e scoprirsi nelle sequenze delle improvvisazioni, nel sondare le proprie paure e trasformarle in dinamicità espressiva, nel cogliere dalla fatica dell’esplorazione un attimo di vera comunicazione, tra sé e gli altri.

Non cercate spiegazioni o storia in questo spettacolo, ma lasciatevi trasportare dall’emozione, dal movimento, dal vivere ogni momento per quello che vuole essere: semplice coinvolgimento emotivo.

Buon divertimento

 
 
Per informazioni:
Ruvidoteatro: 3381788079
info@ruvidoteatro.eu
www.ruvidoteatro.eu
 
Download delle foto dello spettacolo:
[Foto 1]
[Foto 2]
[Foto 3]
[Foto 4]
 

I Commenti sono chiusi

Officina Teatro – Nuovi corsi RuvidoTeatro 2017/18

  Officina Teatro Nuovi corsi RuvidoTeatro 2017·18   SpazioFusione | Palazzo Filippini · Via Oberdan MATELICA   GIOVEDI' 5 OTTOBRE | H 21.00 SABATO 7 OTTOBRE | H 18.30   Ruvidoteatro… [leggi tutto]

Officina Teatro – Nuovi corsi RuvidoTeatro 2017/18 Officina Teatro - Nuovi corsi RuvidoTeatro 2017/18

RuvidoTeatro per “Sibillini Live”

  All'interno di Sibillini Live - Percorsi culturali per la ricostruzione a cura di Arci Marche Festival itinerante in collaborazione con Comuni e associazioni, artisti locali e nazionali Protagonisti… [leggi tutto]

RuvidoTeatro per “Sibillini Live” RuvidoTeatro per "Sibillini Live"

Bevo il vin, cogli occhi poi…

  Mercoledì 12 luglio 2017 - ore 21.15 Corte Museo Piersanti - Matelica     BEVO IL VIN, COGLI OCCHI POI... Liberamente ispirato a “La Locandiera” di Carlo Goldoni   con Deborah… [leggi tutto]

Bevo il vin, cogli occhi poi… Bevo il vin, cogli occhi poi...